Property Market Insights for Spain blog category cover photo at casafari real estate business intelligence price comparison

Property Market Insights

Competenza nel settore immobiliare: Cláudia Menino

Nel gennaio 2017, Cláudia Menino è diventata Project Manager di Grupo Laje Capital dopo oltre cinque anni di esperienza nel settore immobiliare e delle costruzioni. In questa intervista con CASAFARI, leggi le sue intuizioni sulle tendenze immobiliari di quest’anno e l’apertura del settore alle nuove tecnologie.

Qual è stato il suo più grande successo e la sua più grande sfida come Project Manager di Laje Capital?

Non credo che ci sia un solo momento di successo o una sola sfida a Laje Capital. In un lavoro in cui gestiamo progetti, il più grande successo è avere mini successi ogni giorno, essere in grado di superare le sfide e creare soluzioni per arrivare dove vuoi.

Oserei dire che essere un project manager significa essere un problem solver, poiché ogni giorno si è coinvolti con così tante persone ed entità i cui interessi sono così diversi che è difficile dirigere gli sforzi di tutti verso un solo obiettivo.

Ecco perché sono le piccole battaglie che si superano ogni giorno che aprono la strada al successo generale di un progetto. Penso che sia questo che ti definisce come project manager. E naturalmente, poter contare su una buona squadra.

Come definirebbe la sua traiettoria di carriera in Laje Capital?

In questo momento, ho la fortuna di essere circondata da un team fantastico e competente. È iniziato tutto con l’essere molto coinvolta in un progetto e poi doverlo sviluppare.

Con quei piccoli successi che hai, la portata del lavoro diventa improvvisamente più grande e ti assumi più responsabilità, che sono sì impegnative ma ti permettono di evolvere e crescere professionalmente.

Penso che la mia traiettoria sia stata molto positiva; ci sono state difficoltà e ostacoli, ma penso che la prospettiva generale sia positiva. Spero di continuare ad avere il miglior impatto possibile in Laje Capital e nei miei progetti.

Come dovrà adattarsi il settore immobiliare al Proptech?

Anche questa è una buona domanda. Penso che sia ovvio che Proptech è qui per restare e che c’è ancora molto da fare. C’era da aspettarselo, visto che c’è stato questo tipo di evoluzione in tutti i settori, dall’informatica, per ovvie ragioni, alle operazioni quotidiane della città, fino al sistema sanitario.

Penso che il più grande adattamento sarà lo scambio culturale e quanto le persone dovranno imparare. In tutta la catena del valore immobiliare abbiamo ancora modelli molto tradizionali, che si possono vedere tanto nelle intermediazioni quanto nello sviluppo immobiliare e nell’ispezione degli edifici. Penso che in questo momento saranno i project manager a guidare l’avanzamento, dato che stanno già assimilando le nuove tecnologie, come il BIM (Building Information Modelling), per esempio.

Tuttavia, le persone del settore dovranno sottoporsi a un’enorme formazione per adattarsi alla nuova tecnologia, che alla fine li libererà per altri compiti e responsabilità. Penso che ci dovrà essere molta formazione e apertura alle nuove idee, ma adattarsi al Proptech è un gioco da ragazzi.

Alcuni agenti hanno mostrato resistenza al Proptech?

Sì, e a volte ha più a che fare con il luogo [in Portogallo] in cui lavorano. C’è un’enorme differenza a Lisbona e Porto, e anche a Coimbra, dove le cose sono molto più sviluppate e dinamiche, probabilmente a causa della forte presenza di università e innovazione tecnologica. La gente lì è molto più aperta.

Se vuoi lanciare un’impresa immobiliare che venda immobili alle persone nell’Alentejo, è molto improbabile che tu riesca a catturare l’attenzione della gente con un’app. Tutto dipende con chi hai a che fare, in che fase è il tuo progetto, qual è il loro background e quanto sono aperti [all’innovazione].

Questo accade in tutta la catena del valore, non solo nella vendita o nella gestione del progetto – dipende molto dall’ambiente che circonda il progetto. Ma penso che ci siano enormi disparità nel nostro Paese; ci sono persone che sono davvero aperte e che vogliono innovare molto rapidamente, quindi c’è ancora una sorta di mix.

Qual è un consiglio che darebbe ai nuovi agenti?

Direi una buona formazione, per cominciare. Bisogna capire i prodotti di cui si parla, cosa si vende, cosa si compra e chi si aiuta.

Nonostante quello che molti pensano, l’immobiliare non è un settore facile. Ogni proprietà è diversa: solo perché sono una accanto all’altra, non significa che siano uguali. Bisogna saper leggere le persone che vengono a cercare di comprare e vendere, e bisogna conoscere molto bene i campi in cui si dovrà essere in grado di intervenire e spiegare le cose.

Ci sono cose che devono cambiare Se vuoi fare certe transazioni, devi saper spiegare e capire i campi in cui navighi. Devi avere una buona formazione, empatia con il cliente e, soprattutto, onestà.

Qual è un consiglio da insider per vendere una proprietà in inverno?

Vendere in altre stagioni è più facile perché l’inverno fa risaltare ancora di più i difetti dell’immobile. Penso che bisogna soprattutto trattare bene la proprietà; deve essere in buone condizioni, non importa il periodo dell’anno.

Cercate anche di catturare un buon momento della giornata per l’illuminazione; è molto più difficile mostrare una proprietà a inizio giornata perché l’illuminazione non è abbastanza o c’è ancora nebbia. Allo stesso modo, a fine giornata è già buio. È meglio mostrare la proprietà a metà giornata, quando l’illuminazione fornisce l’atmosfera più accogliente.

Di più sul blog: Intervista con Massimo Forte


Daily, we track 180.000+ property changes in Spain, Portugal, France, etc.

Be the first one to know about price changes, new and sold listings.